Formalismi per Rappresentare Stati Mentali di Agenti Software e per Supportare la Dinamica dei loro "Speech Acts"

Il lavoro di tesi è strutturato in quattro parti.
La prima consiste in una robusta prefazione nella quale verrà introdotta la logica modale come strumento per formalizzare la conoscenza di agenti razionali, a cui seguirà una descrizione dei sistemi multi-agente: in particolare ci si soffermerà sull’architettura BDI (Beliefs, Desires, Intentions) che, attraverso la modellazione di credenze e desideri degli agenti, permette a questi di interagire in un determinato ambiente.
A tal proposito nella seconda parte verrà illustrata una struttura logica per la rappresentazione di stati mentali di agenti software e in che modo, grazie a questo formalismo, si possa riprodurre un comportamento simile a quello umano. Soprattutto ci si soffermerà sulla dinamica degli atti comunicativi (speech acts): la sintassi e la semantica adottati per lo scambio di messaggi derivano dallo standard FIPA-ACL, opportunamente esteso per adattarsi al modello presentato.
Nella terza parte, per esprimere le potenzialità di questa architettura multi-agente e darne una dimensione applicativa, essa verrà implementata in un tipico scenario di intelligenza artificiale, quello dei giochi. In particolare, il testbed presentato consiste in un famoso gioco di investigazione: il Cluedo.
Nella sezione conclusiva, infine, verrà effettuato un confronto prettamente teorico sulla semantica dei mondi possibili e quella del modello presentato nella seconda parte e si cercherà di dimostrare che quest’ultimo ne rappresenta un caso particolare.

Corso di Laurea: 
Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica e dell'Automazione
Anno Accademico: 
2011
Tesista
Tesista: 
Luca Palazzo
Email: 
Relatore
Relatore: 
Prof. Aldo Franco Dragoni
Email: